Atlante degli uccelli nidificanti nei parchi regionali della Provincia di Perugia

Presentato a Perugia, nella Sala della Partecipazione gremita di persone, segno dell’interesse del pubblico per gli argomenti che riguardano l’avifauna, i Parchi e l’ambiente più in generale, il quaderno dell’Osservatorio Faunistico Regionale “Atlante degli Uccelli nidificanti nei parchi regionali della provincia di Perugia”.

La notizia la dà il sito della Provincia di Perugia.

http://www.provincia.perugia.it/web/guest/news/perugiainforma/dallaprovincia/news/-/journal_content/56_INSTANCE_CGja/10421/462924

Come associazione richiederemo qualche copia da tenere presso la Stazione Ornitologica di Titignano in modo da poterla distribuire a i visitatori interessati che non hanno potuto partecipare all’evento, ricordando che il volume sarà, prima o poi, disponibile sul sito web dell’Osservatorio Faunistico Regionale, come è già stato fatto in passato per altri quaderni http://www.agriforeste.regione.umbria.it/canale.asp?id=678 .

Salutiamo con gioia la divulgazione degli studi svolti, che come ha sottolineato nella presentazione il dott. Velatta, curatore insieme al dott. Magrini del volume, hanno applicazioni pratiche quali:

– “la possibilità di individuare ambiti di particolare pregio ornitologico, di cui tenere conto nella predisposizione / aggiornamento dei piani dei parchi”

– “la possibilità di inserire nei regolamenti misure di tutela delle specie sensibili, non più vaghe ma riferite a località ben precise”

– la creazione di una “banca dati utilizzabile nell’ambito delle procedure di valutazione di impatto ambientale quali VAS (necessaria per i piani dei parchi), V.I.A. e Valutazioni di incidenza”

– fornisce un “dato storico, utile per valutare la futura evoluzione dell’avifauna nei tre parchi – contributo al monitoraggio della biodiversità nel tempo”.

Il lavoro presentato è purtroppo privo di dati riferibili ai parchi regionale della Provincia di Terni; per il Parco Fluviale del Tevere, che ospita una delle principale aree umide della Regione e nella quale opera la stazione ornitologica di Titignano, vengono presentati solo i dati relativi a quella porzione di area protetta che ricade in Provincia di Perugia. Ci auguriamo che anche nel futuro tutte le aree protette di questa Provincia di Terni si possano dotare di tali strumenti necessari alla loro gestione.

Non conosciamo i motivi che hanno portato a questa scelta la Provincia di Terni, forse staranno preparando un’atlante tutto loro, chissà. Certo è che non tutte le autorità presenti apparivano felici, qualcuno sembrava aver un po’ di nostalgia per quando i dati ornitologici venivano presi con altre metodologie di indagine; ma anche in Umbria nel corso degli ultimi due secoli secoli gli studi ornitologici hanno subito un’evoluzione ed una crescita e non sono più condotti a suon di fucilate ma in maniera silenziosa, con il binocolo ed il taccuino, o utilizzando metodi più sofisticati e meno cruenti per ottenere quelle conoscenze di base su cui impostare la programmazione degli interventi di gestione.

Annunci

Informazioni su Centro Studi Ornitologici "Antonio Valli da Todi"

Associazione iscritta al Registro Regionale delle associazioni di promozione sociale
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...