La civetta, tra mito e realtà.

Perchè partecipare alla notte della Civetta ? Chi sarà mai quest’animale, che anzi si dice che porti male, da chiedere la nostra attenzione ? Perchè passeggiare all’aria aperta, quando il cielo cambia colore e le ombre allungandosi si fondono in un unico buio, rendendo difficoltoso il procedere oltre?

Zoologicamente parlando, la civetta (Athene noctua) è un rapace notturno di piccole dimensioni, di abitudini crepuscolari e notturne, ma non è raro osservarlo anche di giorno su qualche posatoio. Solitaria e territoriale, forma coppie monogamiche che durano nel tempo ed entrambi i genitori si dedicano all’allevamento della prole. E’ una specie sedentaria, ed i giovani si disperdono nel territorio circostante, raramente oltre poche decine di chilometri dal luogo di nascita. Si ciba di grossi insetti, di micromammiferi e piccoli uccelli, spesso nidiacei, anfibi e rettili. Quel che non viene digerito, le ossa e le parti dure degli insetti, viene rigurgitato formando delle masse quasi cilindriche con estremità arrotondate, le borre, che appaiono di colore grigiastro e poco consistenti.

Per la sua caratteristica di vivere sulla linea d’ombra al confine tra il giorno e la notte la civetta è un animale mitologico. In tutto il suo areale di distribuzione è una animale conosciuto, più volte rappresentato sulle monete e nella simbologia, dagli antichi Babilonesi fino ad Harry Potter.

Il motivo per cui abbiamo aderito alla IX notte europea della Civetta è quello di offrire l’opportunità a quanti non conoscono questo piccolo rapace notturno di osservarlo nel suo ambiente naturale e sentire i suoi richiami.

Personalmente, il motivo che mi spinge a camminare su questi sentieri all’imbrunire è la certezza che la la conoscenza ci aiuta a vincere le paure e a governare meglio le nostre emozioni ed il nostro agire. E’ per rivendicare un ruolo alla scienza ed alla cultura, come necessarie al nostro incedere sociale. E’ l’orrore di un tempo in cui questi animali venivano crocifissi per allontanare la sfortuna, è la volontà di sostenere la Stazione Ornitologica di Titignano per le attività di ricerca e divulgazione che svolge dal 2006.

http://www.facebook.com/event.php?eid=194091670613455

Annunci

Informazioni su Centro Studi Ornitologici "Antonio Valli da Todi"

Associazione iscritta al Registro Regionale delle associazioni di promozione sociale
Questa voce è stata pubblicata in Eventi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...